Social Network delle Aziende Italiane

Storci S.p.A
Via Lemignano 6
43044 - Collecchio (Parma)
Settore: Meccanica Tel. 0521543611

Informazioni su Storci Spa: Linee, per, pasta

Costruzione linee per pasta secca, fresca, couscous e piatti pronti

a Collecchio (Parma), Italia

La lunga storia della tecnologia per pasta

Nella campagna della provincia di Parma, la food valley d’Italia, c’è un’azienda che tutti i buongustai dovrebbero ringraziare. Grazie ai suoi impianti e macchinari si produce ogni giorno buona parte della pasta che si mangia nel mondo.

Storci è nata nel 1991, ma ha alle spalle oltre 60 anni di storia. Anzio Storci, suo fondatore, cominciò in Barilla, da giovanissimo, come garzone di officina, nel ’49. Quindi divenne progettista e infine responsabile tecnico di quello che, dal 1970 e ancora oggi, è il più grande pastificio del mondo, con linee da 4.000 a 6.000 kg/ora. Negli Anni ’70 con cinque colleghi fondò ParmaSei, nel settore del latte. Successivamente, i figli Michele e Simone, terminati gli studi, decisero di seguire l’attività paterna fondando Storci.

Il core business si focalizza subito sulla costruzione di macchine per produrre pasta. Pochi anni dopo arriva l’unione con una grande azienda del ramo, Fava, di Cento. Da lì l’ascesa, che oggi fa del gruppo il vero leader mondiale del settore, con circa il 40% del mercato. Storci produce per Fava le presse per le linee industriali più grandi del mondo, destinate alla produzione di pasta secca.

A proprio marchio realizza invece impianti destinati a tutte le altre produzioni: paste secche speciali, pasta fresca, piatti pronti, pasta senza glutine e couscous.

Circa 100 le persone impiegate con un fatturato medio di 22 milioni all’anno, in costante crescita. “Siamo in controtendenza” - dice Anzio Storci – “anche perché la pasta è un prodotto a basso costo, e va forte anche in periodi di crisi. Nonostante il nostro settore principale sia quello delle presse per le macchine grandi, ci stiamo specializzando anche negli altri settori, perché riteniamo che la diversificazione sia molto importante.

“Abbiamo un laboratorio interno, certificato MIUR, spiega Storci, e un’area sperimentazioni: un settore che vale centinaia di migliaia di euro all’anno, ma che ci permette di lavorare bene sugli impianti, di seguire le richieste dei clienti, un po’ come fossimo sarti del settore, e di costruire macchine che coniugano l’innovazione con la grande tradizione italiana del far pasta”.

ra le tecnologie più importanti di Storci, va ricordata “Omnia”: macchina creata una decina di anni fa e in grado di produrre tutti i formati. L’azienda non si ferma mai, insomma, e ha sposato l’entusiasmo del fondatore. “Lavoro da sessant’anni in questo settore” - conclude allegro Anzio Storci “e mi accorgo che ogni giorno ho ancora qualcosa di nuovo da imparare”.